Dic 17

Come difendersi dai ladri

Tags: , ,
Come difendersi dai ladri

Le notizie di cronache nazionali, sempre più frequentemente, riportano episodi circa rapine, furti ed effrazioni nelle abitazioni private. Ne consegue un’inevitabile diffusione di panico tra la popolazione. Come combattere questa paura? È possibile mettere in atto delle strategie efficaci per difendersi dai ladri?

Di seguito vi forniremo alcuni suggerimenti validi al fine di tutelare la propria casa e i propri cari.

La messa in sicurezza delle vie d’accesso

In primo luogo è opportuno mettere in sicurezza tutti gli eventuali ingressi: dalla porta, al cancello, alle finestre. Le moderne tecnologie, infatti, consentono di adoperare serramenti blindati e sistemi di protezione d’avanguardia in grado di contrastare l’eventuale tentativo di furto. Al fine di sentirsi completamente al sicuro è bene prendere le dovute misure di tutela per ogni potenziale via d’accesso. Grate in alluminio, cancelli con taglio al plasma, vetri antisfondamento, porte blindate con spioncino e serrature di sicurezza e inferriate in acciaio, sono alcune delle possibili soluzioni per tenere alla larga i malintenzionati. Anche un sistema d’allarme collegato con le forze dell’ordine costituisce un buon rimedio per difendersi da eventuali effrazioni da parte di bande di malviventi.

I comportamenti da adottare

Oltre alla installazione di sistemi di protezione ad hoc è bene anche imparare ad adottare il comportamento giusto al fine di tutelarsi e di vivere in maniera più rilassata e tranquilla. In primo luogo è bene avere un buon rapporto con i vicini di casa, in modo tale da poterli contattare in caso di necessità; in secondo luogo si consiglia, nel caso in cui sia necessario fare un duplicato delle chiavi di casa, di rivolgersi ad un fabbro di fiducia; in terzo luogo non bisogna dimenticare che i primi luoghi che ispezioneranno i ladri sono gli armadi, i cassetti, le tasche dei vestiti, l’interno dei vasi e il retro dei quadri; pertanto è consigliabile non riporre in questi posti oggetti di valore o documenti importanti. E’ buona regola, inoltre, non lasciare mai la chiave inserita nella toppa, in quanto si faciliterebbe l’ingresso ai ladri. D’altra parte è anche necessario non lasciare entrare in casa chiunque, al fine di non rimanere vittima di raggiri; spesso, infatti, i ladri, spacciandosi per incaricati dell’Istat, dell’Enel o degli uffici comunali riescono a penetrare in casa e a portare a termine il proprio piano criminoso.

Cosa fare in caso di assenza

Se ci si deve allontanare da casa per motivi di lavoro, per una vacanza o per qualsiasi altra ragione è bene non divulgare ai quattro venti la notizia. Meno persone sono a conoscenza del fatto che un’abitazione è vuota e meno probabilità ci saranno che essa venga visitata dai ladri. Si sconsiglia, pertanto, di postare sui social network eventuali fotografie che testimonino l’allontanamento da casa. Nel caso in cui si tratti di una assenza di pochi giorni è consigliabile tenere accesa una luce o un dispositivo elettronico (tv, radio, ecc.) in modo tale da dare l’impressione che la casa sia regolarmente abitata.

In caso invece di assenza che si protrae per più giorni è preferibile comunicarlo ad un ristretto numero di persone che possano fare dei controlli periodici nell’abitazione stessa.